Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Dichiarò il falso: resta sequestrata card reddito cittadinanza di empedoclino

Dichiarò il falso: resta sequestrata card reddito cittadinanza di empedoclino

Resta sotto sequestro la card, con cui un 53enne di Porto Empedocle, G.C., prelevava il denaro del reddito di cittadinanza, di poco meno di 900 euro mensili, che gli era stato riconosciuto dallo Stato, in quanto in difficoltà economiche. Lo hanno deciso i giudici della Cassazione, rigettando il ricorso del difensore dell’indagato.

Confermato il verdetto del Tribunale del Riesame, che aveva dato ragione al pubblico ministero Alessandra Russo, che nel febbraio scorso aveva disposto il sequestro preventivo di urgenza, convalidando il provvedimento della Guardia di finanza, della carta postale, con cui materialmente veniva prelevato il denaro per il sussidio.

All’empedoclino è contestato di avere omesso la circostanza, al momento di presentare la domanda, che il figlio della compagna, era finito in carcere nell’ambito di un’operazione antimafia e, quindi, non avrebbe dovuto provvedere al suo sostentamento quotidiano. Altra circostanza contestata è quella di non avere comunicato che la stessa compagna aveva trovato un’occupazione.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su