Tu sei qui
Home > Sport > Basket: il presidente della Fortitudo Agrigento scrive agli altri club: “Fermiamoci”

Basket: il presidente della Fortitudo Agrigento scrive agli altri club: “Fermiamoci”

Il presidente della Fortitudo Agrigento, Gabriele Moncada, ha scritto una lunga lettera. Parole indirizzate a tutti i presidenti delle società partecipanti ai campionati Lnp.

Egregi Colleghi,
“scrivo la presente per invitare tutti voi ad una seria riflessione viste le recenti e gravi conseguenze dettate dalla pandemia da Covid-19.
I fatti degli ultimi giorni indicano con estrema chiarezza che siamo costretti ad affrontare un problema ingestibile e pericoloso, i cui effetti potrebbero condurre ad esiti irreparabili. Va rilevato, infatti, che alle porte del campionato ci ritroviamo con numerosi giocatori positivi al Coronavirus ed è innegabile che ad ogni partita si concretizza il pericolo di contagio per i giocatori e per tutti i soggetti che con passione e dedizione lavorano per consentire regolari gare sportive. A ciò si aggiunga che sono numerosi i costi extra che aumentano di giorno in giorno a causa della pandemia (tamponi, voli aerei non utilizzati, impossibilità di programmare l’attività delle società). Per tali ragioni, vi chiedo quale sia la reale ed effettiva ragione che induce a posticipare settimana dopo settimana l’inizio del campionato? Possiamo davvero ritenere che spostare di una settimana l’inizio del campionato sia un rimedio efficace? La Fip potrebbe anche ritenere di non sospendere il campionato, ma le società hanno la possibilità e la responsabilità di non iniziare visti i dannosi effetti della pandemia. Occorre, inoltre, evidenziare una grave lacuna del protocollo Fip in tema di Covid-19.Ed invero, nel caso in cui in una squadra si sia riscontrato un caso di positività alla malattia di un giocatore, il protocollo, paradossalmente, non prevede che tutti i giocatori della stessa squadra siano messi in quarantena, nonostante ci sia stata la possibilità di un contatto diretto con il giocatore positivo. È evidente che seguendo tale modello, alla luce dei differenti tempi di incubazione, si crea una catena di contagio all’interno dei vari palazzetti. È ciò che è accaduto nella gara tra Agrigento e Palermo. Infatti, in una prima fase cinque giocatori della Green Basket Palermo sono risultati positivi al Covid-19. Tutti gli altri giocatori sono stati, pertanto, sottoposti al tampone per la rilevazione del virus che ha dato esito negativo.Tali giocatori, apparentemente risultati negativi, si sono recati ad Agrigento per disputare la gara di Coppa Italia contro la Fortitudo. In una seconda fase, tuttavia, cinque giocatori (su otto) della Green Basket Palermo, che hanno disputato la gara contro la Fortitudo Agrigento, sono risultati positivi.Da ciò emerge la grave lacuna del protocollo Fip che non contempla il periodo di incubazione della malattia e che, nel caso di specie, ha provocato il contagio di un giocatore della Fortitudo Agrigento e un danno alla società che ha posto, diligentemente, la squadra e lo staff in isolamento.La gravità della situazione si accentua considerato che domenica 1° novembre 2020 la Fortitudo Agrigento ha disputato una gara contro la Bawer Matera che adesso rischia, a sua volta, il contagio dei propri giocatori.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su