Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Lampedusa, battello stava per colare a picco: salvati cento migranti

Lampedusa, battello stava per colare a picco: salvati cento migranti

I militari della Tenenza della Guardia di finanza di Lampedusa sono stati protagonisti di una coraggiosa operazione di salvataggio di decine di vite di migranti che si trovavano a bordo di un battello pneumatico, in procinto di affondare davanti alla banchina del porto di Lampedusa.
E’ successo nei pressi del molo della baia naturale di Cala Pisana, nel litorale orientale dell’isola, dov’era stato segnalato un natante in difficoltà, con a bordo cittadini extracomunitari.
Attivato il dispositivo di sicurezza terrestre e navale per l’assistenza, il recupero e l’accompagnamento dei migranti, sul posto è intervenuto personale della locale Tenenza prontamente reperibile, che ha riscontrato la presenza, a ridosso della banchina, che si alza alcuni metri sul livello del mare, di un grosso gommone che stava per affondare, con a bordo un centinaio circa di persone di origine centro africana, tra cui molte donne con bambini, probabilmente incapaci di nuotare e sprovvisti di salvagente.
Il natante, infatti, nella manovra di avvicinamento al molo aveva urtato un corpo contundente, verosimilmente la punta acuminata di uno scoglio, che aveva provocato uno squarcio in uno dei tubolari di galleggiamento, inclinandolo e facendogli imbarcare acqua.
I militari sporgendosi sul margine estremo della banchina riuscivano ad afferrare le braccia protese verso l’alto dei naufraghi e a tirarli su, uno per uno, consentendogli di guadagnare la terra ferma.
Nel corso delle concitate operazioni uno dei militari soccorritori è caduto rovinosamente urtando con il corpo violentemente anche una bitta metallica. Il pronto intervento di un collega ha evitato che lo stesso cadesse in mare. Entrambi i militari, infortunati, hanno dovuto ricorrere a cure mediche presso le strutture sanitarie.
Sul posto erano frattanto giunti altri militari della Tenenza e della Sezione Operativa Navale della Guardia di finanza di Lampedusa, che hanno completato l’opera di salvataggio dei migranti, che venivano tutti messi in salvo poco prima che il battello affondasse definitivamente e, successivamente, affidati ai sanitari.
Questo non è che l’ultimo dei numerosi, spesso rischiosi, interventi umanitari compiuti quotidianamente in mare e sulla terra ferma dai militari della Guardia di Finanza di Lampedusa, nel corso delle attività istituzionali.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su