Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Trovati diversi reperti durante campagna di scavi alla Valle dei Templi

Trovati diversi reperti durante campagna di scavi alla Valle dei Templi

Trovati diversi reperti del 570 a.c. durante una campagna di scavi alla Valle dei Templi di Agrigento. Si tratta di nuova luce sulle fasi architettoniche, storiche e archeologiche del Santuario e del Tempio D.
Ad effettuare gli scavi la Scuola Normale di Pisa, in accordo con il Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi, diretto da Roberto Sciarratta.

Per la prima volta, infatti, sulla Collina meridionale sono stati rinvenuti materiali ceramici (tra cui un frammento di ceramica attribuibile con certezza all’officina di Corinto del Silhouette Goat Painter I, databile intorno al 580-570 a.C.) e frammenti di produzione attica e ionica inquadrabili cronologicamente nella prima generazione della colonia che, secondo le fonti letterarie, sarebbe stata fondata intorno al 580 a.c.

“Gli ultimi ritrovamenti aprono nuove ipotesi di studio e accendono l’attenzione sull’enorme patrimonio inesplorato, che la nostra Isola custodisce. Occorre aprirsi – sottolinea l’assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà –, ancora di più alle collaborazioni con le Università italiane e straniere e potenziare le campagne di scavi, grazie alle quali non soltanto avremo la possibilità di ampliare il patrimonio archeologico regionale, ma potremo stipulare alleanze in grado anche di funzionare come attrattori per un turismo culturale di qualità”.

L’équipe di ricerca, costituita dagli studenti di Archeologia Classica della Scuola Normale, delle Università di Pisa e di Palermo, ha operato sotto la direzione scientifica del prof. Gianfranco Adornato, aggregato di Archeologia e Storia dell’Arte Greca e Romana alla Scuola Normale, indagando alcuni settori che si trovano nell’area sacra e all’interno dell’edificio templare.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su