Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Inchiesta Mosaico su faida asse Favara-Liegi, Calogero Bellavia resta in carcere

Inchiesta Mosaico su faida asse Favara-Liegi, Calogero Bellavia resta in carcere

Il favarese Calogero Bellavia, 31 anni, arrestato insieme ad altre sette persone, nell’ambito dell’operazione denominata “Mosaico”, resta in carcere. Lo hanno deciso i giudici del Tribunale del Riesame di Palermo, che hanno rigettato il ricorso del legale difensore, l’avvocato Giuseppe Barba.

Calogero Bellavia è il figlio di Carmelo Bellavia “Melu Carnazza”, ucciso nel gennaio del 2015, davanti al suo deposito di acqua e bibite, e già coinvolto in vicende di mafia. E’ finito in carcere per il duplice tentato omicidio, avvenuto a Favara, il 23 aprile del 2017, del trentottenne Carmelo Nicotra, e di Maurizio Distefano, 40 anni.

Ma è ritenuto coinvolto anche nell’omicidio del giovane empedoclino Mario Jakelich, e di un primo tentato omicidio nei confronti dello stesso Distefano, a Liegi il 14 settembre di quattro anni fa. E sarebbe stato sempre lui, in compagnia di Antonio Bellavia, a sparare all’indirizzo di Carmelo Ciffa, il quarantaduenne di Porto Empedocle, crivellato a pistolettate, il 26 ottobre del 2016, davanti ad un supermarket di Corso Vittorio Veneto, a Favara.

L’inchiesta “Mosaico” è stata condotta dalla squadra Mobile di Agrigento, dal personale dello Sco, e dalla polizia belga, con il coordinamento della Dda di Palermo, e ha fatto luce sulla faida, scatenata da due fazioni rivali, sull’asse Favara-Liegi.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su