Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Canicattì, la morte di 46enne dopo litigio: difesa chiede assoluzione

Canicattì, la morte di 46enne dopo litigio: difesa chiede assoluzione

Gli avvocati Angela Porcello (nella foto) e Diego Guadagnino hanno illustrato le loro tesi difensive, chiedendo l’assoluzione per Giuseppe Cutaia, 30 anni, di Canicattì, accusato di omicidio preterintenzionale, per la vicenda legata alla morte di Giuseppe Cacciatore, deceduto a soli 46 anni, subito dopo aver avuto una lite proprio con l’imputato.

“Cacciatore è morto per problemi cardiaci, e non per gli schiaffi ricevuti”, hanno detto i difensori. Nella precedenza udienza il pubblico ministero Paola Vetro, al termine della sua requisitoria, aveva avanzato richiesta di condanna ad otto anni e otto mesi di reclusione. Il processo è in corso di svolgimento davanti al giudice del Tribunale di Agrigento, Alessandra Vella.

I fatti risalgono all’estate 2015 quando il giovane, a margine di un incontro per risolvere una diatriba precedente avuta con il figlio del 46enne, colpì con alcuni pugni al volto l’uomo, che morì nei minuti successivi. Il 28 ottobre sarà emessa la sentenza.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su