Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > “A stu pubblico ministero cu lu tritolo l’amu a fari satari”. Imputato: “Frase non riferita al magistrato”

“A stu pubblico ministero cu lu tritolo l’amu a fari satari”. Imputato: “Frase non riferita al magistrato”

“A stu pubblico ministero cu lu tritolo l’amu a fari satari”. A pronunciare questa frase, è stato Fabio Bellanca, 39 anni, di Agrigento, domiciliato a Joppolo Giancaxio, attualmente detenuto per un’altra vicenda giudiziaria, e in questo procedimento accusato minacce gravi, nei confronti del procuratore aggiunto Salvatore Vella, in forza alla Procura della Repubblica di Agrigento.

Il processo è in corso di svolgimento dinnanzi al giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Salvina Finazzo. Vella si è costituito parte civile con l’assistenza dell’avvocato Daniela Posante. Questa mattina è stato sentito il testimone che ha sentito la frase minacciosa, mentre si trovava all’interno del Centro commerciale di Agrigento.

Il testimone ha riferito, che all’epoca del fatto, non sapeva che quell’uomo era il procuratore aggiunto Vella. Sarebbe venuto a conoscenza soltanto successivamente. Di seguito c’è stato l’esame dell’imputato (difeso dall’avvocato Daniele Re), che ha smentito i fatti, dicendo che stava parlando al telefonino, quando ha pronunciato quelle parole.

Nella prossima udienza, il 13 novembre prossimo, conclusioni e sentenza.  Fabio Bellanca, nei giorni successivi al fatto, venne arrestato con l’accusa di estorsione ai danni di una donna, che sarebbe stata costretta a dargli 37mila euro.

 

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su