Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì, 400 euro per restituirgli la carta d’identità: arrestato per estorsione

Canicattì, 400 euro per restituirgli la carta d’identità: arrestato per estorsione

Per la restituzione di un documento d’identità ha costretto un suo connazionale a consegnargli una somma in denaro. I Carabinieri del Nucleo operativa e radiomobile della Compagnia di Canicattì, hanno arrestato, in flagranza di reato, Danut Costel Dragomir, pregiudicato romeno, fermato mentre stava per ricevere i soldi estorti ad un connazionale, in cambio della restituzione della carta d’identità.

Il fatto l’altra sera a Canicattì, nella centralissima Piazza IV Novembre. Il malvivente, era in possesso del documento, e qualche giorno fa ha contattato la vittima, chiedendo 400 euro per la restituzione.

Il malcapitato si era però rivolto ai Carabinieri della Stazione di Grotte, che avevano raccolto la denuncia, ed informato la Procura della Repubblica di Agrigento, la quale, ha acconsentito lo scambio di denaro contrassegnato dagli investigatori, intervenuti poi per arrestare il rumeno, nel momento in cui stava ricevendo il prezzo dell’estorsione.

L’arrestato, indagato per l’ipotesi di reato di estorsione, è stato tradotto presso il carcere di Sciacca. I particolari dell’operazione sono stati resi noti, nel corso di una conferenza stampa, dal capitano Luigi Pacifico (nella foto). 

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su