Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Blitz alla Scala dei Turchi, denunciate una decina di persone

Blitz alla Scala dei Turchi, denunciate una decina di persone

Ancora controlli alla Scala dei Turchi di Realmonte dove, nel periodo estivo si è registrato un elevato afflusso di bagnanti e turisti.
Nonostante la presenza delle barriere di interdizione, dei cartelli monitori ed i totem informativi collocati a cura della Soprintendenza Beni culturali di Agrigento, indicanti il divieto di ingresso dovuto alla misura cautelare imposta dall’Autorità Giudiziaria, i turisti continuano a violare i divieti.
L’attività di controllo, coordinata dal comandante provinciale dei Carabinieri, Giovanni Pellegrino e dal comandante della Capitaneria di porto di Porto Empedocle, capitano di fregata Gennaro Fusco, ha visto l’impiego congiunto via terra di militari della Stazione Carabinieri di Realmonte e della Capitaneria di porto di Porto Empedocle, e via mare con la motovedetta 2093, che hanno accertato la presenza di numerosi turisti provenienti da varie località, i quali sono stati identificati e deferiti all’Autorità Giudiziaria, in quanto si sono resi responsabili del reato di violazione dei sigilli, trasgressione punita dall’art. 349 del Codice Penale, con la reclusione da sei mesi a tre anni.
Alla vista dei militari intervenuti, i pochi turisti presenti si sono allontanati velocemente, via mare e via terra, e nel giro di pochi minuti la scogliera era priva di turisti.
Questi soggetti, transitando da mare o scavalcando la recinzione, che è risultata essere danneggiata in più punti, hanno messo a rischio la propria incolumità e hanno violato i sigilli posti a tutela del sito di notevole pregio ambientale, disattendendo le ordinanze di interdizione per salire ad ogni costo sulla popolare scogliera.
Al termine del controllo e dopo aver liberato la marna dai turisti indisciplinati, si attendeva l’arrivo del personale del servizio civico del Comune di Realmonte.
Come è noto la Scala dei Turchi, infatti, è interdetta dal 27 febbraio scorso, a seguito del decreto di sequestro preventivo di urgenza emesso dal  procuratore della Repubblica Luigi Patronaggio, in quanto vi è un concreto pericolo per i turisti e per i bagnanti, in considerazione dei numerosi crolli che hanno interessato l’area negli ultimi mesi.
Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su