Tu sei qui
Home > Rubriche > Oltre la provincia > Trasferiti in un’altra struttura 62 migranti con il Covid19

Trasferiti in un’altra struttura 62 migranti con il Covid19

“Da stamattina si è iniziato a svuotare l’hotspot di Pozzallo, dove è arrivato il nostro team per esaminare l’idoneità dei locali. I ricorsi notificati a mezzo stampa non producono effetti. Ma alzare la voce, a tutela della salute pubblica, evidentemente si. Vedremo se in qualche giorno si ristabilirà la legalità. Vi tengo aggiornati!”, ha detto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, appreso che i 62 migranti positivi al Covid-19 (molti dei quali sbarcati nei giorni scorsi a Lampedusa), fino ad oggi ospitati all’hotspot di Pozzallo, sono stati trasferiti in un’altra struttura.

“Tra qualche ora – ha aggiunto – ci rivolgeremo alla magistratura, ed è triste e disarmante constatare come due articolazioni dello Stato, governo centrale e governo regionale, debbano ricorrere alla magistratura per riaffermare un diritto sacrosanto che è il diritto alla salute. Spero nel buonsenso del governo centrale. Speriamo che non ci siano né vinti né vincitori”, conclude Musumeci.

“L’operazione è il il frutto di una collaborazione quotidiana, continua e riservata con il ministero dell’Interno e con la Prefettura di Ragusa che testimonia come soltanto la sinergia istituzionale può portare a risultati celeri. Purtuttavia, tutto ciò non significa che non esistano problemi nella gestione dei flussi migratori”, aggiunge il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su