Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Agrigento e Porto Empedocle, sequestrato tonno rosso sotto misura

Agrigento e Porto Empedocle, sequestrato tonno rosso sotto misura

La Capitaneria di porto di Porto Empedocle per i giorni del 14-15-16 del mese di agosto ha svolto un’intensa attività di vigilanza e monitoraggio di tutto il litorale di sua competenza al fine di garantire la sicurezza dei bagnanti.
Gli uomini della Capitaneria di porto, guidati dal capitano di fregata Gennaro Fusco, sono stati impegnati per tutto il weekend di Ferragosto lungo l’intera la costa Agrigentina, dove sono scattati una serie di controlli volti a far rispettare le ordinanze dei sindaci della provincia che vietavano, il montaggio di tende, gazebo, l’accensione di fuochi ed anche a far rispettare l’ordinanza balneare vigente al fine di evitare la presenza d’imbarcazioni da diporto che navigando a distanza ravvicinata dalla costa potevano creare rischio per l’incolumità dei bagnanti.

L’attività è stata molto intensa. Il personale della Guardia costiera ha fatto sgomberare i pochi accampamenti, che i bagnanti stavano allestendo in spiaggia ed impedito l’accumulo di legna in vista del tradizionale falò.
Decine sono stati i controlli e le infrazioni, ben sei verbali amministrativi, rilevate per imbarcazioni sotto costa che hanno comportato sanzioni per un ammontare complessivo di 1.377 euro.
Per la tutela dell’ambiente marino, dopo un’intensa ed accurata attività d’intelligence, è stata intercettata un’imbarcazione da pesca con a bordo degli esemplari di tonno rosso sotto misura. I militari prontamente hanno proceduto al sequestro del pescato illegale. Ciò ha comportato anche il sequestro degli attrezzi da pesca, ed una sanzione complessiva di 2.600 euro.

Il 17 agosto il personale della Capitanerie di porto, in seguito ad una segnalazione telefonica che riferiva la presenza in località “Zingarello” di un’imbarcazione in difficoltà di navigazione, i mezzi della Guardia Costiera sono prontamente intervenuti prestando soccorso ad un natante da diporto con 6 persone a bordo che, in seguito al peggioramento delle condizioni meteomarine aveva difficoltà a rientrare in porto.
Da un controllo documentale svolto al termine dell’attività è emerso che il natante navigava privo del proprio documento assicurativo, ragion per cui è stato oggetto di sanzione amministrativa di 130 euro.

Il comandante Fusco ha manifestato il proprio apprezzamento per il lavoro dei militari dimostrando come la Guardia Costiera sia sempre pronta e vigile per garantire la sicurezza della navigazione, soprattutto nei periodi in cui normalmente la gente si reca in vacanza. Tutte le attività sopra elencate rientrano nel più ampio quadro degli obiettivi fissati dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie e di Porto e sotto il coordinamento della Direzione Marittima di Palermo.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su