Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Agrigento, tenta di sfondare porta di casa di ex compagna: arresto convalidato

Agrigento, tenta di sfondare porta di casa di ex compagna: arresto convalidato

Libero c’è rimasto poco, arresto convalidato e custodia cautelare in carcere per Alessandro Rizzo, 27 anni, di Agrigento, finito l’altra sera in manette. Questa volta con l’accusa di violazione della Sorveglianza speciale. Lo ha deciso il giudice del Tribunale di Agrigento Agata Anna Genna, che ha accolto così la richiesta del pubblico ministero Gloria Andreoli.

Il giovane, in particolare, già condannato a 1 anno e 10 mesi per stalking all’ex compagna, e rinviato a giudizio per maltrattamenti sempre nei suoi confronti, l’altra sera, avrebbe cercato di sfondare a calci e pugni la porta d’ingresso dell’abitazione della donna, per riprendersi il figlioletto.

A mettere in allarme i poliziotti della sezione Volanti della Questura di Agrigento il segnale Gps del braccialetto elettronico, che gli era stato applicato, dopo la scarcerazione, per controllare che rispettasse il divieto di avvicinamento alla vittima.

Gli agenti una volta giunti sul posto, non hanno trovato il 27enne, ma hanno raccolto il racconto della donna. Poi, seguendo il tracciamento del Gps hanno ricostruito il tragitto, e lo hanno rintracciato a pochi metri della sua abitazione, e lo hanno arrestato. Rizzo è difeso dall’avvocato Calogero Lo Giudice.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su