Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Licata, piantagione di marijuana: proprietario fondo patteggia la pena

Licata, piantagione di marijuana: proprietario fondo patteggia la pena

Angelo Callea, 52 anni, di Licata, ha chiesto e ottenuto di patteggiare la pena a 1 anno, 9 mesi e 10 giorni di reclusione; Giacomo Vinci, 47 anni,  anche lui licatese, che non ha avanzato richiesta di riti alternativi, è stato rinviato a giudizio dal Gup del Tribunale di Agrigento, Alessandra Vella.  Così l’udienza preliminare a carico dei due licatesi arrestati dopo la scoperta in contrada “Fiumevecchio”, di una vera e propria piantagione di marijuana, tra le coltivazioni di zucchine, in un terreno nella disponibilità dei due imputati.

Per Vinci la prima udienza del dibattimento è in programma il 14 ottobre davanti al giudice monocratico del Tribunale di Agrigento Giuseppe Miceli. L’operazione dei carabinieri della Compagnia di Licata, risale al 4 dicembre del 2018, dopo che avevano notato movimenti anomali nelle vicinanze del fondo agricolo di proprietà di Callea, e così hanno deciso di fare scattare un’irruzione. Sul posto, è stato subito rintracciato il proprietario, in compagnia di Vinci.

Poco dopo aver iniziato le attività di ricerca e perquisizione, durante il controllo in una serra adibita alla coltivazione di zucchine, è saltata fuori una vera e propria piantagione, con circa settanta piante di “Canapa indiana”, che una volta essiccata, sarebbe stata pronta ad essere smerciata.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su