Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Licata, maltrattamenti e umiliazioni: rinviati a giudizio madre e figlio

Licata, maltrattamenti e umiliazioni: rinviati a giudizio madre e figlio

Disposto il rinvio a giudizio di M.C.L.I., 48 anni, di Licata, e del figlio A.M., di 21 anni, accusati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali, lesioni colpose e maltrattamenti di animali. II Gup del Tribunale di Agrigento Stefano Zammuto ha accolto la richiesta del pubblico ministero Gloria Andreoli.
La prima udienza del dibattimento è fissata per il 26 ottobre prossimo davanti al giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Agata Anna Genna.

Vittime dei presunti maltrattamenti e sevizie la madre e la sorella dell’imputata, e nonna e zia del ragazzo, che sarebbero stati schiaffeggiati, presi a pugni e spintonati. Anche il cane delle vittime sarebbe stato picchiato e bastonato.
Gli imputati sono difesi dall’avvocato Giuseppe Glicerio, mentre le due presunte vittime si sono costituite parti civili, con l’assistenza degli avvocati Angelo Benvenuto e Lucia Amoroso.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su