Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì, abusi sessuali: chiesta conferma condanna a 4 anni

Canicattì, abusi sessuali: chiesta conferma condanna a 4 anni

Il Procuratore generale di Palermo ha chiesto la conferma della condanna a 4 anni di reclusione per il pensionato canicattinese Vincenzo Giardina, di 76 anni, accusato di tentata prostituzione minorile e violenza sessuale. L’uomo è stato già riconosciuto responsabile dal Gup del Tribunale di Agrigento, al termine del processo celebrato con l’abbreviato.
Il canicattinese avrebbe adescato un 15enne, all’interno di una villetta comunale, e gli avrebbe proposto di fare sesso in cambio di soldi.

E in un’altra occasione il ragazzo avrebbe anche subito degli abusi sessuali dentro l’auto del pensionato. E’ stata la madre, dopo aver raccolto il racconto del figlio, a presentare denuncia ai carabinieri.
I fatti contestati sarebbero avvenuti fra l’ottobre e il novembre del 2015. Giardina è difeso dall’avvocato Calogero Meli,
mentre il ragazzo si è costituito parte civile con l’assistenza dell’avvocato Calogero Lo Giudice che si è associato alle richieste di condanna del Procuratore generale.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su