Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Porto Empedocle, prova a sparare tre volte a commerciante ma l’arma si inceppa

Porto Empedocle, prova a sparare tre volte a commerciante ma l’arma si inceppa

Si è presentato nella macelleria di un empedoclino, e non avrebbe fatto in tempo a sparare, perché fortunatamente  l’arma si è inceppata.  E non una, ma ben tre volte, anche dopo aver scarrellato, e fatto cadere un “colpo” a terra. A finire nei guai anche la compagna, accusata di aver nascosto la prova “madre”, ossia la pistola, nelle mutandine.
Dopo un’indagine “lampo” i carabinieri della Compagnia di Agrigento, agli ordini del capitano Marco La Rovere, hanno arrestato Vincenzo Filippazzo, 47 anni, di Porto Empedocle, e la compagna Antonina Pullara, 44 anni, anche lei empedoclina. Entrambi incensurati.
Devono rispondere di tentato omicidio in concorso, e di detenzione di arma clandestina (la pistola non era stata mai registrata).  Su ordine della Procura della Repubblica di Agrigento, che ha coordinato l’intera e brillante operazione, l’uomo è stato rinchiuso nella Casa circondariale “Pasquale Di Lorenzo”,  mentre la donna posta agli arresti domiciliari.
Il fatto questa mattina in una macelleria di Porto Empedocle.
Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su