Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Favara, trovato un mitragliatore Kalashnikov in una campagna

Favara, trovato un mitragliatore Kalashnikov in una campagna

La polizia di Stato di Agrigento, nei giorni scorsi, ha effettuato un sequestro di un’arma da sparo, di particolare rilevanza investigativa.
In particolare la squadra Mobile, diretta dal dirigente Giovanni Minardi (nella foto), era stata informata che in una zona di campagna, tra i territori di Favara e Castrofilippo, ignoti soggetti erano stati notati muoversi con atteggiamenti particolarmente sospetti e guardinghi.
L’informazione non è stata sottovalutata, ed è stato disposto il rastrellamento dell’intera zona, con personale specializzato della squadra Mobile, della polizia Scientifica e con l’ausilio di cani molecolari ed attrezzatura di altissimo livello.

La pervicacia degli agenti nel corso delle ricerche dava ottimi risultati. Abilmente occultato sottoterra, infatti, individuato un sacco nero in plastica, all’interno del quale era custodito un fucile mitragliatore Kalashnikov AK47, con il caricatore e numerosi proiettili inesplosi.
È noto che la suddetta arma ha una pericolosità offensiva elevatissima, poiché catalogata tra le armi da guerra a raffica.

Sul Kalashnikov sono stati effettuati accurati accertamenti tecnici mediante sofisticate attrezzature in dotazione alla polizia Scientifica, al fine di estrapolare dall’arma eventuali tracce di Dna, e risalire così all’identità degli utilizzatori.
Inoltre, altra tipologia di accertamenti scientifici, permetterà di risalire con certezza ad episodi criminosi in cui il Kalashnikov sia stato utilizzato sull’intero territorio nazionale. Non si esclude l’estensione delle comparazioni anche su episodi criminosi avvenuti all’estero.
Sull’episodio indagano la Direzione distrettuale antimafia di Palermo e la Procura della Repubblica di Agrigento.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su