Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Porto Empedocle, migrante si lancia in mare dalla nave quarantena e muore

Porto Empedocle, migrante si lancia in mare dalla nave quarantena e muore

Si lancia in mare dalla “Moby Zazà”, e poche ore dopo viene recuperato cadavere vicino alla foce del fiume Naro. Un giovane tunisino di 28 anni, ha perso la vita questa mattina all’alba. Si trovava sulla nave quarantena, ferma da ieri mattina di fronte il porto di Porto Empedocle.
A dare l’allarme alcuni suoi compagni. Immediato è scattato il piano di ricerche a cui hanno preso la la Guardia di finanza e la Capitaneria di porto di porto Empedocle, con l’ausilio di motovedette. In volo anche un elicottero e un aereo della Guardia costiera.

In mattinata il corpo privo di vita del tunisino è stato trovato nei pressi della foce del fiume Naro. Il mare agitato lo aveva trascinato fino sulla terraferma. La salma è stata recuperata e portata al porto. La Procura di Agrigento ha incaricato la Guardia di finanza di occuparsi delle indagini, e con il sostituto Sara Varazi, ha aperto un fascicolo d’inchiesta.
Nessun dubbio che l’immigrato abbia deciso di gettarsi in acqua, per cercare di raggiungere a nuoto la costa agrigentina, prima di lasciare l’imbarcazione aveva indossato un giubbotto di salvataggio.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su