Tu sei qui
Home > Politica > Le Amministrazioni Comunali devono attivare le procedure per richiedere i fondi regionali a sostegno delle famiglie disagiate

Le Amministrazioni Comunali devono attivare le procedure per richiedere i fondi regionali a sostegno delle famiglie disagiate

“Sono 27 (su 43) i  Comuni dell’Agrigentino che hanno già attivato correttamente le procedure per richiedere i fondi messi a disposizione dal Governo Musumeci, per il contrasto della povertà causata dal Covid-19. E gli altri?”
A lanciare l’allarme è l’onorevole Savarino, che prosegue : “mancano all’appello alcuni Comuni popolosi come Porto Empedocle, Ribera, Agrigento, Aragona, Campobello di Licata. In questi Comuni non servono gli aiuti per le famiglie disagiate?  Invito le amministrazioni “ritardatarie” ad attivarsi immediatamente e richiedere i fondi, ed i Sindaci che hanno già ottenuto i fondi, siano essi nazionali o regionali, ad utilizzarli con la massima trasparenza ed equità, mediante i servizi sociali, le associazioni onlus o la protezione civile.
I fondi pubblici, infatti, non sono donazioni personali di Sindaci o Consiglieri di maggioranza da distribuire in maniera diretta e senza tutela della privacy e rispetto delle persone in difficolta’, ma denaro pubblico da erogare mediante avvisi e bandi, a tutti i cittadini che ne abbiano i requisiti e ne facciano richiesta! Ricordo, inoltre, che l’Assessore Grasso ha emesso una circolare per  specificare  come siano state semplificate le procedure di accesso ai fondi.  La Regione ha fatto la sua parte, adesso tocca ai Sindaci.”
On. Giusi Savarino
Presidente IV Commissione legislativa ARS

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su