Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Palermo > Le misure per la ripresa. L’Ars si mette a lavoro

Le misure per la ripresa. L’Ars si mette a lavoro

Lunedì mattina inizia la settimana cruciale per la legge di stabilità, la IV Commissione legislativa ARS riprende i lavori.
“È il momento di pensare alla fase 2” dichiara l’on. Savarino, e prosegue “Abbiamo affrontato bene l’emergenza sanitaria, grazie alla tempestività delle ordinanze del Presidente Musumeci, e a un piano sanitario che ha funzionato, adesso dobbiamo organizzare bene e in tempo la ripresa delle attività.
La prossima settimana sarà cruciale per dare una iniezione di energia alla nostra economia.
Già da lunedì in Commissione esprimeremo parere alla legge di stabilità e inoltre lavoreremo a due importanti decreti che possono dare progettualità al comparto turistico e creare lavoro: il centro direzionale e
la regolamentazione delle concessioni demaniali balneari.
La Sicilia va verso un crollo di più di sette punti percentuali di Prodotto interno lordo. Sono già stati persi 4 miliardi di euro di fatturato, sui 101 miliardi totali (stima dell’ufficio statistica della Regione siciliana.). Alla luce di questi dati è stata elaborata una  finanziaria che acceleri la ripresa economica. Dobbiamo immettere  liquidità sia nel tessuto economico che negli enti locali, e lo facciamo mediante la concessione di credito, in parte a fondo perduto, tramite gli istituti IRFIS e Crias, con uno stanziamento da 170 milioni di euro di cui 10 dedicati all’editoria, e con un fondo perequtivo da 200 milioni per i Comuni .
Queste misure si aggiungono alla sospensione del pagamento di canoni e tributi, tra cui quelli edilizi, demaniali marittimi ed ai ruoli istituzionali ed irrigui emessi dai Consorzi di bonifica, ed alle misure di sostegno alle famiglie che vengono raddoppiate nell’importo, 200 milioni, e nella platea dei destinatari (fino a un reddito netto di 15 mila euro). Ed ancora è previsto un fondo perequativo per i mancati incassi da botteghino da 5 milioni di euro, per enti, cooperative, imprese ed associazioni che si occupano di spettacolo, e  rimpianguato i fondi per il trasporto pubblico locale, anche marittimo (65 milioni) e gommato urbano ed  extra urbano (48 milioni in più dello scorso anno); sono previsti circa 16 milioni per il trasporto ferroviario e  5 milioni per sostenere le attività di servizio pubblico da trasporto non in linea. La legge di stabilità movimenterà più di miliardo di euro solo per la Sicilia, e a questa seguirà un disegno di legge a sostegno delle politiche economiche e sociali.
Sono certa che i miei colleghi apprezzeranno il lavoro del Governo Musumeci e che approveremo celermente queste misure, così da recuperare in fretta i punti percentuali di Pil ad oggi compromessi, e portare la Sicilia ad essere una regione trainante per l’Italia.
È il momento della collaborazione e del buon senso, grazie allo sforzo di tutti i siciliani abbiamo l’occasione di trasformare un evento tragico in un vantaggio, non possiamo non coglierla!”
On. Giusi Savarino
Presidente IV Commissione legislativa ARS
Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su