Tu sei qui
Home > Attualità > Rotary contro Covid-19, con l’aiuto delle moderne tecnologie e con la solidarietà di tanti

Rotary contro Covid-19, con l’aiuto delle moderne tecnologie e con la solidarietà di tanti

Covid-19. Quest’essere tanto malevolo insidioso è arrivato nella nostra terra e sta seminando terrore e morte, anche da noi!

L’impegno dei Rotary Clubs del territorio nisseno nel sostenere le Istituzioni, in particolare quelle sanitarie, nella dura lotta contro il Coronavirus continua a pieno ritmo e si traduce in importanti donazioni a favore degli ospedali facenti capo all’ASP (S.Elia di CL e V.E.di Gela), che vedono medici e personale sanitario impegnati in una sfida senza precedenti per cercare di salvare vite umane dall’aggressione del virus.

Venerdì mattina si concretizza il progetto denominato “Rotary Vs Covid” dei sei Rotary Club dell’Area Nissena: Caltanissetta, Gela, Mussomeli, Niscemi, San Cataldo e Valle del Salso; presieduti rispettivamente da Anna Tiziana Amato Cotogno, Ugo Granvillano, Carmelo Arcieri, Antonio Di Martino, Gaetano Mancuso e Luigi Loggia.

I citati Presidenti hanno operato, con la condivisione di Salvatore Camilleri e Salvo Pasqualetto Assistenti di Area del  Governatore del Distretto 2110 del Rotary International Valerio Cimino, facendo tesoro di un’efficace motto di Paul Harris, fondatore del Rotary, che recita “il potere di un’azione combinata non conosce limiti”.

In particolare il Rotary farà dono di un monitor multiparametrico; di “pompe siringa”, dispositivi importanti in terapia intensiva; di numerose “Tute protettive” in microtech per medici e paramedici (acquisite grazie alla Biofarma srl di Canicattì); e soprattutto di un significativo quantitativo di maschere da sub (snorkeling) della Decathlon, trasformate in “respiratori di emergenza” tramite dispositivo realizzato con stampante 3D, che replica un innovativo adattamento tecnologico già sperimentato In Lombardia. Una ditta specializzata del nostro territorio, la Mastery srl di Delia, ha provveduto a realizzare gli adattamenti tecnologici da installare sulle maschere, a titolo gratuito. La disponibilità delle stampanti 3D e di parte del materiale è stata offerta dai dirigenti scolastici dell’IPSIA “G. Galilei” prof.ssa Loredana Schillaci e dell’ IISS “A. Manzoni – F. Juvara” prof.ssa Agata Rita Galfano, coadiuvata dai collaboratori di presidenza prof. Luigi Di  Salvo e DSGA Gabriella Landolina. Il DS della SS di 1° gr “Giosuè Carducci” prof.Antonio C. Dibilio ha anticipato parte delle  bobine disponibili.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su