Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento, il tribunale sperimenta l’uso di Skype per le udienze civili

Agrigento, il tribunale sperimenta l’uso di Skype per le udienze civili

Con l’emergenza del coronavirus, e all’attività giudiziaria sospesa per alcune settimane, il Tribunale di Agrigento sperimenta l’uso di “Skype” per la trattazione delle udienze civili. Si tratta di una novità introdotta dal Direttore Generale del Ministero della Giustizia, che lo scorso 10 marzo ha emanato un provvedimento, che individua i collegamenti da remoto per lo svolgimento delle udienze.

Nella giornata di giovedì 12 marzo il giudice, Giovanna Claudia Ragusa, da remoto ha incontrato “virtualmente” avvocati e parti presenti invece all’interno di un’aula del palazzo di giustizia per trattare la controversia in videoconferenza. Una conferma di efficienza per l’ufficio giudiziario agrigentino che è stato da sempre all’avanguardia dal punto di vista informatico.

Il Tribunale di Agrigento è stato anche ufficio “pilota” nell’introduzione del processo civile telematico già dal 2012, utilizzato due anni più tardi a pieno regime su tutto il territorio nazional

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su