Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Mafia di Licata, chiuse indagini inchieste “Assedio” e “Halycon”. Non compare il nome del deputato Carmelo Pullara

Mafia di Licata, chiuse indagini inchieste “Assedio” e “Halycon”. Non compare il nome del deputato Carmelo Pullara

Chiuse le indagini preliminari delle inchieste “gemelle” denominate “Assedio” e “Halycon”, eseguite dai carabinieri del Comando provinciale di Agrigento, e dal Ros, che l’estate dell’anno scorso hanno disarticolato la nuova famiglia mafiosa di Licata, che avrebbe pure stretto accordi con la politica e la massoneria deviata, per portare avanti i propri interessi economici e personali. Complessivamente 21 gli indagati, nei cui confronti si profila la richiesta di rinvio a giudizio, da parte dei pubblici ministeri della Dda di Palermo, Geri Ferrara, Claudio Camilleri e Alessia Sinatra.
Si tratta di Angelo Bellavia 66 anni, Vincenzo Bellavia 35 anni, Giacomo Casa 65 anni, Antonino Cusumano 44 anni, Giuseppe Galanti 62 anni, Angelo Graci “trappolina” 33 anni, Angelo Lauria 46 anni, Giovanni Lauria 80 anni, Vito Lauria 50 anni, Antonino Massaro 62 anni, Marco Massaro 36 anni, Giovanni Mugnos 54 anni,   il boss Angelo Occhipinti 65 anni “Piscimoddu”, l’ex consigliere comunale, nonchè geometra dell’ufficio tecnico dell’ospedale di Licata Giuseppe Scozzari   48 anni, Raimondo Semprevivo 48 anni, Gabriele Spiteri 47 anni, Vincenzo Spiteri 53 anni,   tutti di Licata.   Ed ancora Giuseppe Puleri 41 anni di Campobello di Licata, Alberto Riccobene 53 anni residente a Palma di Montechiaro, il funzionario della Regione Lucio Lutri 61 anni di Mistretta, e Salvatore Patriarca 42 anni di Vittoria residente a Ragusa .Non compare nel provvedimento, invece, il deputato regionale ed ex membro della commissione antimafia (dimessosi proprio dopo che il suo nome era emerso dalle carte dell’inchiesta) Carmelo Pullara che, dunque, non risulta indagato.
Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su