Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì, città nel panico per il coronavirus. Ma non risulta nessun caso sospetto. Stamattina vertice in comune

Canicattì, città nel panico per il coronavirus. Ma non risulta nessun caso sospetto. Stamattina vertice in comune

Una città nel panico. Canicattì si è svegliata ieri con la paura di contagio da coronavirus. Messaggi sui social, sulle chat dei telefoni. Nomi e cognomi di coloro i quali avrebbero beccato il virus tornando a Canicattì da un viaggio in Nord Italia. Niente di tutto ciò. A rassicurare gli animi il direttore sanitario dell’ospedale Barone Lombardo, che ha smentito coloro i quali sono arrivati anche ad affermare che il pronto soccorso della struttura sanitaria fosse stato chiuso. “Non abbiamo nessun caso sospetto- ha detto ieri il dottor Giuseppe Augello- anzi chiediamo che non vengano procurati allarmismi che generano paura nella popolazione. Stiamo valutando l’ipotesi di presentare una denuncia alla polizia postale affinché possa  individuare gli autori di queste fake news”. Dunque al momento a Canicattì ma anche nei comuni dell’hinterland non si registra nessun caso sospetto di Coronavirus. Ieri in ospedale si sono svolte una serie di riunioni tra medici per eventuali casi che potrebbero registrarsi ma non c’è stato nulla di che. Anche stamattina, si parlerà di Coronavirus nel corso di un vertice che è stato convocato al comune con inizio alle dieci. Saranno presenti, medici, il sindaco, gli assessori, i rappresentanti cittadini delle forze dell’ordine: polizia, carabinieri, guardia di finanza, polizia municipale, l’ufficiale sanitario. La paura ha anche fatto prendere di mira i supermercati. Scaffali vuoti in alcuni market con le persone che hanno fatto la scorta di beni di prima necessità. Ma al momento non vi è assolutamente nulla. Ma soltanto tanta ma tanta paura.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su