Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì, Comitato Civico 2021: i “Pupi” hanno iniziato a parlare.

Canicattì, Comitato Civico 2021: i “Pupi” hanno iniziato a parlare.

Questo Comitato Civico 2021 ha letto con molta soddisfazione il comunicato diramato dalle pseudo forze politiche che sostengono il Sindaco : PD , Uniti per Canicattì e Canicattì Civica , addirittura si è riunito tutto lo stato maggiore per emettere un editto.

Questo è un vero e proprio miracolo, alla teatralità del gesto non si può non rispondere con la stessa teatralità.

Come è noto nella nostra città si è generato una sorta di teatro dei pupi degno di essere raccontato da Mimmo Cuticchio.

Nel teatro dei pupi vi sono due PUPARI , uno si mette a destra e uno si mette a  sinistra, poi vi sono i pupi. Di solito nella movimentazione scenica  sono i PUPARI che danno voce ai pupi,  il Comitato Civico 2021 ha fatto il miracolo di fare parlare  i PUPI.

A capo dei pupi c’è “peppininu” che metaforicamente nel teatro si presente guercio e sciancato oggi però  nell’era della multimedialità  assume le sembianze del derelitto femminaru(come direbbe Cammalleri)  per metà uomo e metà cellulare.

Nella rappresentazione scenica dell’opera dei  PUPI ad un certo punto  si intromette un inedito baldanzoso tipo, che rappresentando la misera messa in scena interrompe l’idea della facile vittoria, i PUPI si sentono minacciati, non nella loro incolumità ma nelle loro tasche , paura di perdere il bottino, l’obolo mensile, da pupi-marionette muti, ad un tratto gli viene la voce , qui il miracolo, però non abituati alla scena, parlano di ciò che conoscono ovvero di interessi personali di cui sono professionisti. Vedono la scenografia della Comunità come se tutto fosse interesse personale.

I sudditi si augurano che il miracolo e l’opera continui e che i pupi continuino a parlare sostenendo “peppininu” che aiutato dal puparo  Calaf  vorrebbe risolvere  gli enigmi  del regno.

Il regno volge alla fine e l’opera si concluderà con  peppininu che sarà abbandonato dai pupari compreso Calaf, i prodi pupi-paladini andranno per lidi diversi  e peppininu sciancatu e sbigottito dovrà cambiare regno per paura di incontrare gli ex sudditi .

Nella realtà è tutta una finzione non esiste il PD non esistono Uniti per Canicattì e Canicattì Civica forse non esistono neanche quelli che parlano.

Un fatto è certo i sudditi conserveranno buona memoria sul fatto che sono stati saccheggiati, maltrattati e mortificati.

 

Canicattì 17/02/2020

 

IL SEGRETARIO

Calogero Giarratana

IL PRESIDENTE

Giuseppe Giardina

 

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su