Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento, mamme in città per identificare figli morti nel naufragio

Agrigento, mamme in città per identificare figli morti nel naufragio

Quattro mamme tunisine sono giunte ad Agrigento, dopo essere state convocate dal procuratore aggiunto Salvatore Vella, che coordina l’inchiesta sul naufragio avvenuto il 7 ottobre scorso a Lampedusa, per identificare i loro quattro figli, di età compresa fra 18 e 32 anni, morti nel disastro.

Sul barcone affondato nel mare in tempesta viaggiavano 170 migranti; 149 furono tratti in salvo; 19 cadaveri furono recuperati nei giorni successivi. Due mamme, grazie anche all’esame del Dna, sono riuscite a trovare le salme dei loro cari; le altre due, invece, torneranno in Tunisia senza neanche un corpo da piangere.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su