Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Mafia, operazione “Passepartoutt” nell’Agrigentino. Sul giudice Falcone: “E’ stato un incidente sul lavoro”.

Mafia, operazione “Passepartoutt” nell’Agrigentino. Sul giudice Falcone: “E’ stato un incidente sul lavoro”.

Le microspie piazzate da Guardia di finanza e Carabinieri, lo hanno sorpreso mentre insultava il giudice Giovanni Falcone: “E’ stato un incidente sul lavoro”. Ecco come parlava l’insospettabile collaboratore parlamentare, esponente dei Radicali Italiani, Antonello Nicosia, 48 anni, originario di Sciacca, arrestato nell’operazione antimafia “”Passepartoutt”. L’uomo avrebbe avuto una “doppia vita”. E’ stato invitato in diverse trasmissioni televisive per parlare di legalità, e battendosi per i diritti dei detenuti.

In una intercettazione, invece, in riferimento al super latitante Matteo Messina Denaro, lo chiamava invece “il primo ministro”. Nicosia avrebbe intrattenuto rapporti con esponenti di spicco della mafia saccense. Tra questi con il capomafia di Sciacca, Accursio Dimino, 61 anni, imprenditore ittico ed ex professore di educazione fisica, fedelissimo della primula rossa di Castelvetrano anche lui è stato arrestato nel blitz di questa notte, già condannato per mafia.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su