Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento, torture stupri e omicidi nel ‘lager Libia’. Fermate tre persone

Agrigento, torture stupri e omicidi nel ‘lager Libia’. Fermate tre persone

Torturati e picchiati, anche con l’utilizzo di bastoni, tubi di gomma, e cavi elettrici. Ma anche privazione di cibo e costretti a dissetarsi con acqua salmastra. Migranti detenuti a Zawya schiavizzati. La tortura, in particolare, e’ il reato che i magistrati della Dda di Palermo – guidata da Francesco Lo Voi – contestano ai 3 fermati dai poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento, dopo che nel 2017 questa fattispecie di reato e’ stato introdotto nel codice penale italiano.

I fermati sono Mohamed Conde’, detto Suarez, 22 anni della Guinea, Hameda Ahmed, 26 anni, egiziana e Mahmoud Ashuia, egiziano, 24 anni, tutti bloccati presso l’Hotspot di Messina. Il provvedimento e’ stato disposto dal procuratore aggiunto Marzia Sabella e dai sostituti Calogero Ferrara e Gianluca Caputo.

I reati contestati sono associazione a delinquere finalizzata alla commissione di una pluralita’ di gravi delitti, quali tratta di persone, violenza sessuale, tortura, omicidio, sequestro di persona a scopo di estorsione, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su