Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Resta in carcere vivandiere di ex capomafia agrigentino

Resta in carcere vivandiere di ex capomafia agrigentino

I giudici del Tribunale del Riesame di Palermo hanno rigettato la richiesta del difensore di Calogero Bellavia, 29 anni, di Favara, noto per essere stato il “vivandiere” dell’allora latitante Gerlandino Messina. Il giovane, figlio di un boss favarese, resta in carcere.

Nessuna attenuazione della misura, quindi, per il 29enne, che si trova detenuto dal 14 giugno del 2017, dopo essere stato ammanettato dai carabinieri, insieme allo zio Antonio, perché trovato in possesso di due pistole, di cui una risultata rubata, e l’altra con matricola abrasa.

Bellavia è stato condannato, nei primi due gradi di giudizio, a 3 anni e 8 mesi di reclusione. Stessa condanna per Antonio Bellavia, a cui sono stati concessi i domiciliari, con l’applicazione del braccialetto elettronico.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su