Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Ha rapinato una prostituta, ingegnere di Agrigento ai domiciliari

Ha rapinato una prostituta, ingegnere di Agrigento ai domiciliari

Il Gip del Tribunale di Agrigento, Luisa Turco ha convalidato l’arresto, applicando gli arresti domiciliari, all’ingegnere Massimiliano Piraneo, quarantunenne, di Agrigento, arrestato mercoledì scorso dai Carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile, con l’accusa di avere rapinato una prostituta sudamericana, in un’abitazione a valle della via Callicratide.

Piraneo nel corso dell’udienza di convalida si è difeso, e ha negato ogno cosa: “Non ho bisogno di rapinare, ho un  lavoro e i soldi non mi mancano. Quelli trovati sono soldi miei”, ha detto. Secondo l’accusa, l’agrigentino si sarebbe presentato nella casa a “luci rosse”, e dopo avere consumato un rapporto sessuale, avrebbe estratto un coltello, costringendo la donna a dargli i soldi che teneva in casa: poco meno di mille euro.

Il legale difensore dell’indagato ha presentato ricorso al Tribunale del Riesame di Palermo, con la richiesta di annullamento dell’ordinanza e della misura.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su