Tu sei qui
Home > Cronaca Nera e Giudiziaria > Gela, l’esplosione al mercato. Indagato il proprietario del furgone. E’ di Grotte

Gela, l’esplosione al mercato. Indagato il proprietario del furgone. E’ di Grotte

La Procura di Gela ha disposto degli accertamenti tecnici sull’esplosione della bombola di gas avvenuta al mercatino di via Madonna del Rosario, causando venti feriti, tra cui sei gravi. C, C,, 45 anni di Grotte, proprietario del furgone Iveco 50, attrezzato per la vendita di polli allo spiedo e patatine fritte, a bordo del quale è deflagrato il gas sarà dunque, come atto dovuto, iscritto sul registro degli indagati. Il Procuratore capo Fernando Asaro ha disposto i controlli per accertare quanto accaduto e cosa ha fatto esplodere la bombola di gas. Stazionarie le condizioni di salute dei feriti più gravi, tra cui la ragazza di 22 anni che si trovava all’interno del furgoncino. La ragazza è ricoverata all’ospedale Cannizzaro, gli altri gravi al Civico di Palermo, nel reparto grandi ustionati: si trova in Rianimazione con ustioni di terzo grado, e in parte di secondo, su circa il 40% del corpo e con compromissione delle vie respiratorie e la prognosi è riservata. Al Cannizzaro di Catania ci sono in totale quattro persone con ustioni di medio-alta entità. In terapia intensiva del Centro Ustioni ci sono due donne di 51 e 62 anni, con ustioni rispettivamente sul 45% (secondo e terzo grado) e sul 15% (terzo grado) della superficie corporea, mentre in terapia semi-intensiva c’è un 44enne, che ha ustioni di secondo e terzo grado sul 15% del corpo. Anche per loro tre, i medici del Centro Ustioni si sono riservati la prognosi.Le indagini di polizia e carabinieri, coordinate dal sostituto procuratore, Ubaldo Di Leo, stanno cercando di appurare le cause del grave incidente che avrebbe potuto causare una strage. Stava per scoppiare, infatti, una seconda bombola che già si era deformata. Gli inquirenti sospettano anomalie sul tipo e sulla quantità di gas caricata da un ipotizzato mercato illegale parallelo. Saranno i periti incaricati dalla magistratura a stabilirlo.
Fonte La Sicilia.it

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su