Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Licata, perquisita la Sea Watch. Ad Agrigento interrogato comandante indagato

Licata, perquisita la Sea Watch. Ad Agrigento interrogato comandante indagato

E’ durata ore la perquisizione del personale della Guardia di finanza, a bordo della nave “Sea Watch 3”, ancorata e sotto sequestro nel porto di Licata, dopo avere sbarcato 47 migranti a Lampedusa. L’equipaggio, da quanto si è appreso, ha collaborato con le Fiamme gialle, ma una giornalista americana, iscritta come facente parte dell’equipaggio, si sarebbe rifiutato, in mancanza del suo avvocato newyorchese, di consegnare la telecamera, con la quale ha filmato tutto. La Procura della Repubblica di Agrigento, ha anche disposto, ma la giornalista non avrebbe ceduto, di fare copia dei filmati e lasciarle gli originali.

Il legale del comandante della “Sea Watch 3”, l’avvocato Alessandro Gamberini, ha reso noto, all’uscita dal Tribunale di Agrigento, dopo l’interrogatorio, che la vicenda è filmata. C’erano sulla nave dei giornalisti del New York Times, e un free lance tedesco, che hanno documentato con foto e video le testimonianze dei migranti. “Tutte queste cose verranno recuperate dalla Procura di Agrigento, e daranno conferma delle cose che abbiamo detto. E’ una vicenda alla luce del sole, nulla da strumentalizzare”. “Non si comprende – ha aggiunto – come mai una nave che compie un’operazione di questo tipo possa essere trattata, dallo Stato italiano, come una nave offensiva quando entra nelle acque territoriali”.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su