Tu sei qui
Home > Politica > Non passa la sfiducia alla sindaca di Porto Empedocle

Non passa la sfiducia alla sindaca di Porto Empedocle

Ida Carmina, eletta con il Movimento 5Stelle nel 2016, con il 72 per cento dei voti, resta saldamente in “sella” alla poltrona di Sindaco di Porto Empedocle. Non è passata la mozione di sfiducia, presentata dall’opposizione. Solo nove i voti a favore della mozione, due in meno del quorum necessario per mandare a casa l’attuale primo cittadino. Alla base della sfiducia, il cui documento è stato letto dalla consigliera d’opposizione Valentina Di Emanuele, c’era il problema dei rifiuti, che hanno invaso la città più volte durante il mandato di Carmina, ma anche altre questioni, due su tutte, l’amministrazione ordinaria della città marinara, e la situazione economica del Comune, in dissesto.

Nel corso della seduta del Consiglio comunale, Ida Carmina si è difesa, e il presidente ha dovuto più volte richiamare l’ordine: “Questa mozione di sfiducia, che sia di carattere politico, o di carattere giuridico-amministrativo è di carattere fantasioso e pretestuoso. Il dissesto è stato votato da tutti e non solo da me. Le emergenze dei rifiuti sono da addebitare alla Regione e non al Comune, che invece ha tagliato i fondi della politica”, ha concluso la Sindaca.

Da ricordare come la scorsa settimana, per scongiurare la sfiducia, Carmina aveva fatto un cambio in giunta, inserendo Salvatore Di Betta, 28 anni, nella sua squadra, assessore con delega al Turismo, ed anche su questo punto hanno avuto da ridire i consiglieri di opposizione.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su