Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Dopo la condanna, arrestata 46enne agrigentina

Dopo la condanna, arrestata 46enne agrigentina

Deve scontare una condanna con l’accusa di avere presentato falsi dati reddituali, per ottenere l’ammissione al gratuito patrocinio. Giuseppina Ribisi, 45 anni, di Palma di Montechiaro, è stata arrestata dai poliziotti del Commissariato di Palma di Montechiaro. Deve espiare 8 mesi di reclusione. Dopo le formalità di rito, la palmese è stata accompagnata in carcere, per scontare la pena.

Giuseppina Ribisi, anni fa, fu coinvolta nell’omicidio del cognato Damiano Caravotta, fratello del marito, freddato a colpi di pistola dopo un litigio nel pianerottolo dell’abitazione, dal figlio della donna, all’epoca dei fatti minorenne. Nel maggio scorso era arrivata l’assoluzione.

Nel procedimento in cui è stata condannata e adesso arrestata l’ipotesi di reato era quella di truffa. Avrebbe dichiarato di non avere alcun reddito per essere ammessa all’istituto del gratuito patrocinio, ed evitare di pagare le spese legali.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su