Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Agrigento, al via la 27ª edizione delle giornate Fai di Primavera

Agrigento, al via la 27ª edizione delle giornate Fai di Primavera

Presentate presso Villa Genuardi ad Agrigento, le Giornate Fai di Primavera che, giunte ormai alla 27ª edizione, che si svolgeranno – in tutta Italia – sabato 23 e domenica 24 marzo 2019. Quest’anno la Delegazione di Agrigento aprirà più di 40 luoghi in città e nei 12 comuni della provincia che hanno aderito all’iniziativa: si tratta di beni spesso poco conosciuti o poco valorizzati, a volte chiusi perché di proprietà privata, come Ville e Palazzi, resi fruibili grazie alla collaborazione dei volontari Fai e degli oltre 800 Apprendisti Ciceroni delle 30 scuole coinvolte che, indossati i panni di narratori d’eccezione, racconteranno ai visitatori il valore di questi beni e le storie che essi custodiscono.
Per l’edizione 2019 la novità sarà il progetto Fai ponte tra culture, che si propone di porre l’attenzione su quei luoghi che testimoniano la ricchezza derivata dall’incontro e dalla fusione tra la nostra tradizione e quella dei paesi europei, asiatici, americani e africani come il giardino di Villa Genuardi ad Agrigento, con influenze dell’Asia e del Sud America, e la chiesa di Santa Caterina D’Alessandria a Naro, probabilmente costruita su un’antica Moschea.

Tra i beni aperti nella Provincia di Agrigento, grazie alla collaborazione di vari enti e soggetti privati: 2 beni di competenza della Soprintendenza di Agrigento, Villa Genuardi e la Villa Romana di Realmonte, 1 bene di competenza del Polo Museale di Agrigento, le Catacombe Paleocristiane di Naro, 1 bene di competenza del Libero Consorzio della Provincia di Agrigento, il Giardino Botanico di Agrigento, 1 bene di competenza del Fec, la chiesa delle Benedettine di Palma di Montechiaro, 1 bene di competenza dell’autorità portuale di Porto Empedocle, il Porto Empedocle, 1 bene di competenza delle Ferrovie dello Stato, la Stazione di Porto Empedocle, Beni di pertinenza comunale – Municipio di Licata, Municipio e Torre Carlo V a Porto Empedocle, Castello di Naro, Palazzo Ducale a Palma di Montechiaro, 1 bene di competenza Anas, la Casa Anas di Agrigento, 15 beni di competenza dell’Arcidiocesi di Agrigento, tra chiese e oratori, come la Chiesa Madre di Sambuca recentemente aperta al culto, la Chiesa Madre di Aragona, con l’annessa sezione del Museo diocesano, la Chiesa Madre di Racalmuto con la bellissima tela di Pietro d’Asaro recentemente restaurata, la Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria probabilmente costruita sopra una moschea araba, 4 beni privati – Fattoria Mosè ad Agrigento, Villa Maria a Casteltermini, Palazzo La Lumia a Licata, Palazzo Adamo Bartoccelli a Canicattì.

Tra le iniziative speciali, il Treno storico da Palermo per la Valle dei Templi di Agrigento, e i Treni navetta tra La Stazione Centrale di Porto Empedocle e il Tempio di Vulcano, da dove si potrà accedere al Giardino della Kolymbetrha bene Fai (nella foto sopra). Per prenotazioni: prenotazioni@fondazionefs.it

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su