Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Sparò contro pescatore sulla banchina del porto, chiesti 9 anni di carcere per empedoclino

Sparò contro pescatore sulla banchina del porto, chiesti 9 anni di carcere per empedoclino

Il pubblico ministero, Elenia Manno, al termine della sua requisitoria, ha chiesto la condanna a 9 anni di reclusione (con l’accusa di tentato omicidio) a carico dell’empedoclino James Burgio, ventisettenne, arrestato nel luglio dell’anno scorso, dai poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento, due giorni dopo l’agguato sulla banchina del porto di Porto Empedocle.

 

Burgio ha ferito con un colpo di pistola un pescatore, e suo compaesano, Angelo Marino, trentenne, rimasto ferito ad una gamba, poi avrebbe rivolto l’arma all’indirizzo dell’armatore Riccardo Volpe, con cui aveva avuto un litigio sopra il peschereccio. Ma la pistola si sarebbe inceppata. Deve rispondere di tentato omicidio, ed anche di detenzione illegale di arma comune da sparo.

 

Il processo è in corso di svolgimento con il rito abbreviato, a seguito di giudizio immediato, dinnanzi al giudice del Tribunale di Agrigento, Alessandra Vella.  Dopo la richiesta del Pm, l’udienza è stata aggiornata al prossimo 17 aprile, per le arringhe della difesa dell’imputato, rappresentata dagli avvocati Salvatore Pennica e Alfonso Neri, poi sarà emessa la sentenza.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su