Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Linosa, senza benzina da settimane. Si bloccano diversi servizi

Linosa, senza benzina da settimane. Si bloccano diversi servizi

Nell’isola di linosa da oltre due mesi non c’è più benzina. Le scorte sono oramai in esaurimento, e i servizi essenziali funzionano, ma rischiano di bloccarsi da un momento all’altro. Tutta colpa dell’unico distributore di carburante presente, ristrutturato e non più riaperto a causa della mancanza dei permessi di sicurezza. La riapertura era fissata per l’inizio di gennaio. Riforniva i mezzi di residenti e pescatori. Agricoltura e pesca sono ferme da settimane.

E adesso anche alcuni servizi della guardia medica sono fermi. Il medico senza auto non può fare le visite a domicilio. Nell’isola ci sono molti anziani. Per alcuni ci si arrangia camminando a piedi per fare le visite. I problemi maggiori per chi abita in periferia. Anche il servizio postale si è fermato. L’automobile delle Poste è completamente a secco. Quando si deve ritirare la posta dalla nave, il postino si fa accompagnare da un suo parente, che ha ancora una piccola scorta di carburante.

Sul caso, nei giorni scorsi, è intervenuto anche il sindaco di Lampedusa e Linosa Totò Martello, che attraverso Corriere Agrigentino ha lanciato un appello al ministro dell’Interno Matteo Salvini, sottolineando non solo le difficoltà della popolazione, ma anche quelle di ordine pubblico, dato che le auto dei carabinieri e della guardia medica sono a secco di benzina.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su