Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Minacce e insulti ai carabinieri, condannata una ravanusana

Minacce e insulti ai carabinieri, condannata una ravanusana

Il giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Manfredi Coffari ha inflitto 2 mesi di reclusione, Anna Maria Concetta Messana, 58 anni, di Ravanusa, (attualmente sotto processo per stalking ai sanitari della Guardia medica). E’ stata ritenuta colpevole di oltraggio a Pubblico ufficiale.

La vicenda risale al 9 maggio del 2017. In quell’occasione la donna, mentre il marito, Carmelo Scarabeo, 61 anni, stava firmando in caserma il verbale delle persone sottoposte alla libertà vigilata, avrebbe insultato i militari in servizio: “Non dovete controllare mio marito, ma dove sta scritto che potete venire a qualsiasi ora? Siete tutti pezzi di m…”.

L’imputata è stata, invece, assolta dall’accusa di minaccia: “Vi ucciderò” all’indirizzo degli stessi carabinieri. Assoluzione anche per il marito accusato di avere usato un’auto sotto sequestro. I due coniugi sono difesi dall’avvocato Davide Casà.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su