Tu sei qui
Home > Rubriche > Oltre la provincia > Ars, tanti tagli nella manovra economica

Ars, tanti tagli nella manovra economica

Previsti tagli nella manovra economica (bilancio e Finanziaria) dopo il via libera della commissione Bilancio della Regione Siciliana. Una manovra che riduce la spesa, rispetto allo scorso anno, di circa 250 milioni di euro per venire incontro alla rateizzazione del disavanzo e per minori entrate varie nonostante l’accordo con lo Stato firmato dal governo Musumeci. Circa 46 milioni di euro di tagli sono stati caricati sul cosiddetto allegato G: pagano il contro i centri antiviolenza e le case di accoglienza dei Comuni, il trasporto pubblico locale (meno 42 milioni di euro), i precari dei cantieri di servizio (meno 2,3 milioni di euro).

Altri 48 milioni vengono recuperati dall’articolo 14 del bilancio: 11,7 milioni il fondo per i precari dei Consorzi stessi, 8,7 milioni il fondo dell’Esa (sempre per i precari), 300 mila euro il fondo per le adozioni internazionali, 2,4 milioni di euro i disabili per i progetti individuali, 6,1 milioni il fondo per le somme urgenze in fiumi e torrenti, 53 milioni sui forestali, 8,7 milioni di euro il fondo dei Pip, 1 milione la Protezione civile, 8,5 milioni di euro le spese di gestione dei Consorzi di bonifica.

Altri 17 milioni di tagli colpiranno le coop agricole e le cantine sociali, il fondo per il personale della Fiera del Mediterraneo, il fondo per le scuole paritarie (meno 601 mila euro), le Ipab (meno 422 mila euro), l’Istituto vino e olio (meno 572 mila euro), i vivai (meno 531 mila euro), le riserve naturali (meno 1,2 milioni di euro), gli enti parco (meno 3,4 milioni), gli Ersu (meno 2,4 milioni), le Accademie delle belle arti e i conservatori (meno 38 mila euro), le indennità per i talassemici (meno 2,4 milioni), il fondo per la promozione dei prodotto siciliani( 1,5 milioni di euro), l’Istituto ciechi Florio e Salamone (meno 154 mila euro), l’Istituto ciechi Gioieni di Catania (meno 15 mila euro), i consorzi universitari (meno 570 mila euro), il Corfilac (meno 281 mila euro), il Brass group (meno 515 mila euro).

Previsti poi altri tagli: 429 mila euro in meno per la Foss, 265 mila euro in meno per il teatro Massimo di Palermo,84 mila euro in meno per il Biondo di Palermo, 100 mila euro in meno per lo Stabile di Catania, 1,8 milioni in meno per il Massimo Bellini di Catana, 918 mila euro in meno per il Teatro di Messina, 543 mila euro in meno per Taormina Arte, per le vittime di racket meno 612 mila euro, per il ricovero minori meno 1,5 milioni, e il fondo per lo sport, meno 3 milioni.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su