Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Licata, studenti premiati al concorso sul tema dell’Olocausto

Licata, studenti premiati al concorso sul tema dell’Olocausto

Nell’auditorium dell’Istituto “Filippo Re Capriata” di Licata si è svolta la cerimonia dell’assegnazione dei premi ai vincitori del concorso sul tema: “Olocausto – Carta Costituzionale–Dichiarazione Universale dei Diritti Umani: quali gli insegnamenti per prevenire le varie forme di discriminazione”. Nel “Giorno della memoria” non bisogna solamente ricordare ma interiorizzare quei principi posti a salvaguardia della “dignità” umana e sensibilizzare i più giovani, affinché anche loro possano essere strumento di pace e di solidarietà fra le famiglie e gli amici.

Hanno partecipato tre scuole medie, in quanto le altre per questioni tecniche non hanno ricevuto il bando. Un’emozione per tutti vedere quei ragazzi spiegare i loro lavori in alternanza ai ragazzi delle classi prima AFM e IT, che hanno letto parte della Dichiarazione universale dei diritti umani ed i ragazzi della seconda AFM ed IT leggere alcuni articoli della Costituzione.

 

Erano presenti tre classi della “Bonsignore”, accompagnati dai docenti e dal Dirigente scolastico, Maurizio Buccoleri, componente anche della Commissione per la valutazione degli elaborati; alcuni rappresentanti della “Quasimodo” e della “Marconi”, accompagnati da docenti e dalla professoressa Tiziana Alesci, in sostituzione del Dirigente scolastico Lombardo, assente per impegni istituzionali, anche lei componente della Commissione; gli assessori Termini e Vincenti, sensibili al tema affrontato ed hanno contribuito con un loro intervento; i docenti Romina Terranova e Giuseppe Glicerio, referenti del progetto e, quindi, il Dirigente scolastico dell’Istituto “Re Capriata”, Sergio Coniglio, che ha introdotto i lavori.

 

C’è stato un grande impegno dei ragazzi dei corsi AFM e SIA per la buona riuscita dei lavori e sono stati loro a premiare i più giovani delle terze medie. I ragazzi dell’Alberghiero, invece, si sono adoperati per l’accoglienza. È stata una festa tutta giovanile, dove i ragazzi si sono confrontati affrontando temi delicati ed attuali, non è stato solo il ricordo del “Giorno della memoria”, ma una riflessione su come oggi si possono evitare vessazione e bullismo, fenomeni che discriminano ed appunto come intervenire per evitare che questo possa verificarsi in classe o fuori dalle aule. Tutti quanti si sono lasciati con la promessa di continuare a incontrarsi per affrontare altre tematiche e, pertanto, ad
affrontare assieme un convegno entro marzo-aprile.

 

Il primo premio è stato assegnato alla Classe III C della “Quasimodo” un lavoro su una pedana adornati di simboli ed un video, veramente un capolavoro; il secondo premio ex aequo è andato ad una Prosa, elaborata dalle alunne Noah Verderame e Francesca Marche della scuola “Marconi”; al disegno rappresentante una colomba ferita, mani insanguinate e bimbi spaventati, elaborato dalla classe III C della “Bonsignore”; il terzo premio è stato assegnato ad un disegno, ove oltre alle immagini parlano i colori, elaborato dall’alunna Veronica Russotto della III della “D Marconi”.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su