Tu sei qui
Home > Rubriche > Oltre la provincia > Giochi e scommesse in mano mafia, scatta sequestro di beni

Giochi e scommesse in mano mafia, scatta sequestro di beni

Ammonta a 6 milioni di euro il sequestro patrimoniale eseguito dalla polizia di Stato nei confronti di Benedetto Bacchi, di 46 anni, e Francesco Nania, di 50. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, su proposta del Questore di Palermo. Il “cuore” del patrimonio è in quattro società che hanno sede a Malta. I due indagati erano stati arrestati un anno fa nell’ambito dell’operazione “Game Over” con altre 29 persone accusate, a vario titolo, di associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori, concorrenza sleale aggravata dal metodo mafioso, riciclaggio e associazione per delinquere finalizzata alla produzione, detenzione e spaccio di stupefacenti.

Le indagini hanno confermato l’esistenza di uno stretto collegamento tra Cosa Nostra e le sale da gioco e di raccolta scommesse. Un ruolo di primissimo piano sarebbe stato svolto proprio da Benedetto Antonio Bacchi da Partinico, classe 1972, che avrebbe monopolizzato il settore dei giochi e delle scommesse online. L’imprenditore avrebbe realizzato anche una rete di agenzie di scommesse abusive (riferibili principalmente al marchio “B2875”), capaci di generare profitti quantificati in oltre un milione di euro mensili.

Bacchi ha avuto sempre un grande senso per gli affari e soprattutto per certe amicizie. Non si faceva alcun problema a passeggiare in paese con il capomafia Francesco Nania, appena scarcerato. Sembravano inseparabili. E persino la moglie di Bacchi era infastidita: “Solo perché hai i soldi ti senti di essere un signore, ma sei una merda. Sei un delinquente rivestito di soldi, ben protetto e coperto”. E lui urlava ancora più forte: “Io lo squalo sono, non l’hai capito?”.

Il socio occulto dell’imprenditore, secondo quanto accertato dagli inquirenti, sarebbe stato proprio Nania, capo della famiglia mafiosa di Partinico, già condannato con sentenza definitiva, che ha terminato di espiare la pena nel 2013. Nello specifico il sequestro a carico di Bacchi riguarda 11 beni immobili, tre veicoli, sei rapporti finanziari, una quota societaria, quattro società con sede a Partinico e quattro a Malta attive prevalentemente nei settori dei giochi e scommesse e dell’edilizia.

Nei confronti di Nania è stato invece disposto il sequestro di una società operante nel settore dell’esportazione alimentare verso gli Stati Uniti, la “Trading Enterprise Srl”, con sede nel comune di Ottaviano.

 

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su