Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Droga in bed and breakfast nel centro storico di Agrigento, i due indagati vanno ai domiciliari

Droga in bed and breakfast nel centro storico di Agrigento, i due indagati vanno ai domiciliari

Arresti convalidati e detenzione domiciliari per i due agrigentini trovati in possesso di oltre 4 chili droga, nascosti in una camera di un bed and breakfast, a poche decine di metri dalla via Atenea. Lo ha deciso il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Agrigento Luisa Turco, al termine dell’udienza di convalida che, si è tenuta nel carcere di contrada Petrusa. Accolte le richieste del legale difensore, l’avvocato Salvatore Pennica (nella foto), che chiedeva al giudice una misura meno afflittiva del carcere.

Andrea Gueli, 26enne, Amedeo Alex Ricci, 20enne, sono stati scarcerati, ed hanno raggiunto le proprie dimore di residenza, ristretti in regime di arresti domiciliari. Con i due giovani, in manette è finita anche D.V., una diciassettenne studentessa di Agrigento. I tre devono rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Quella scoperta dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Agrigento, è una vera e propria centrale per il confezionamento, e lo smercio di droga. Il blitz è scattato in seguito ad un controllo in strada di un agrigentino, che poco prima aveva acquistato nel B&B poco meno di 5 grammi di hashish.

Durante la perquisizione sono stati rinvenuti 39 panetti, del peso di 100 grammi ciascuno, di hashish, avvolti in un giornale marocchino, nascosti in un mini frigo, all’interno di una delle camere della struttura. In un’altra stanza altri 100 grammi di hashish, un bilancino di precisione, alcuni coltelli anneriti e imbrattati di sostanza stupefacente.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su