Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Agrigento, la morte dell’ex dipendente comunale. Aperta inchiesta

Agrigento, la morte dell’ex dipendente comunale. Aperta inchiesta

Aperta un’inchiesta sulla morte del pensionato Angelo Carlino, il 67enne ex impiegato del Comune di Agrigento, trovato cadavere all’interno della sua abitazione al piano terra di uno stabile, di via Nicone, lungo la scalinata che, collega le vie Esseneto e Manzoni, lo scorso 30 ottobre.

E’ stato il sostituto procuratore Eliana Manno, su richiesta degli avvocati Salvatore Pennica e Alfonso Neri, a revocare il nulla osta, a poche ore dai funerali, fissati per ieri pomeriggio. La Procura agrigentina ha aperto un fascicolo dove si ipotizza il reato di istigazione al suicidio. Il pensionato, che da anni viveva da solo, potrebbe essersi ucciso, perché “spinto da qualcuno a togliersi la vita”.

È quello che sosterrebbero alcuni familiari della vittima, che hanno presentato un esposto. I due congiunti, con insistenza, hanno chiesto agli inquirenti accertamenti più approfonditi sulle ferite da arma da taglio, rilevate su varie parti del corpo (gola, polsi, torace e coscia) durante l’ispezione cadaverica eseguita all’obitorio dell’ospedale “San Giovanni di Dio”.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su