Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Tentato omicidio a Favara, disposti accertamenti non ripetibili su alcune armi

Tentato omicidio a Favara, disposti accertamenti non ripetibili su alcune armi

Saranno effettuati la mattina del 19 dicembre prossimo, nei locali della sezione regionale di polizia Scientifica, di Palermo, gli accertamenti non ripetibili, del tipo biologico e di esaltazione di impronte papillari latenti, sulle armi, munizioni, e altri materiali, sequestrati il 29 maggio scorso, nel sottotetto della palazzina, dove viveva con i familiari Gerlando Russotto, ventinovenne disoccupato, di Favara, arrestato per avere avuto un ruolo nel tentato omicidio del ristoratore di Porto Empedocle, Saverio Sacco, verificatosi il 28 aprile del 2017 a Liegi, in Belgio.

L’esame sulle armi si inquadra nell’inchiesta riguardante il tentato omicidio del favarese Carmelo Nicotra, avvenuto il 23 maggio del 2017, in via Torino, a Favara. Inchiesta che vede indagato proprio Gerlando Russotto al quale, grazie alla soffiata dell’ex cognato, e attuale collaboratore Mario Rizzo, viene accusato di possesso illegale di armi e munizioni. Su queste armi saranno comparati i reperti acquisiti per verificarne l’eventuale utilizzo nell’agguato.

L’inchiesta è condotta dai pubblici ministeri della Dda di Palermo, Claudio Camilleri, Calogero Ferrara e Alessia Sinatra. Sull’agguato a Nicotra, nei giorni scorsi sono stati iscritti sul registro degli indagati altri due favaresi, Francesco Di Benedetto, 28 anni, e Michelangelo Bellavia, 30 anni, tutti legati ad un altro favarese, Calogero Bellavia, 27 anni (già arrestato nel blitz che portò alla cattura di Gerlandino Messina).

Di Benedetto, e i due Bellavia sono difesi dall’avvocato Salvatore Pennica (nella foto). Il primo è il fidanzato della sorella di Calogero, mentre il secondo è suo dipendente nella ditta di vendita al dettaglio di bibite e bevande.

Sempre per il tentato omicidio di Nicotra sono indagati lo zio di Calogero Bellavia, Antonio, di 47 anni; Carmelo Vardaro, 39 anni e Calogero Ferraro, 39 anni, fratello di un altro indagato, Emanuele Ferraro, assassinato a colpi di arma da fuoco, e uscito dall’inchiesta.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su