Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Uil Agrigento per la due giorni del Ministro Toninelli in Sicilia: ”Si dia una linea chiara per uscire dal disastro infrastrutturale”

Uil Agrigento per la due giorni del Ministro Toninelli in Sicilia: ”Si dia una linea chiara per uscire dal disastro infrastrutturale”

La Uil di Agrigento, interviene con Gero Acquisto e tutto il gruppo dirigente provinciale,in vista della visita del Ministro delle Infrastrutture Toninelli in Sicilia e con le relative ispezioni nei cantieri che toccheranno anche la nostra provincia, a oggi in pieno ritardo e disastro infrastrutture che segnano pesanti ricadute in termini economici e sociali per i cittadini residenti.

“Il tema strade ad ogni livello è un tema centrale della nostra provincia e del nostro sviluppo, la nostra organizzazione sindacale che si batte e lotta quotidianamente in questo territorio ne ha fatto negli ultimi anni una questione di vitale importanza per far rinascere un territorio oggi piegato e distrutto, soprattutto per la mancanza di una viabilità quanto meno accettabile che ancora tarda a venire.

Al Ministro Toninelli che guida un dicastero difficile ma prioritario per lo sviluppo del Paese e del Sud, quale quello delle infrastrutture e dei trasporti, chiediamo un impegno concreto e deciso da parte dello Stato per chiudere una serie di incompiute e arterie stradali che negli ultimi anni hanno segnato una involuzione netta per tutto il nostro territorio e la nostra economia e qualsiasi piano industriale e di crescita e attecchimento delle attività produttive per mancanza di certezze e per un isolamento che ha danneggiato tutti gli investimenti.

Sappiamo che lo stesso Ministro è stato dotato di un corposo dossier sul disastro dell’asse viario della provincia di Agrigento, apprezziamo i sopralluoghi e le ispezioni che farà in questo tour, dalla ss.640 con l’incontro al Ponte San Giuliano, alla visita in Prefettura con i Sindaci per il viadotto Akragas e per le zone più colpite e interessate dalle ultime inondazioni, ma tutto ciò non basta se i termini degli interventi di realizzazione, manutenzione e completamento delle opere dovessero continuare ad avere questi tempi di realizzazione,non sono più accettabili in un lembo di Italia che nel 2018 si trova a muoversi da paesi che distano 50 Km in condizioni da terzo mondo.

Non sono più accettabili, caro Ministro al netto dei sopralluoghi anche del cantiere della ss. 121, della Palermo-Agrigento altro cantiere infinito che ha distrutto i collegamenti viari ed economici di tre province non funziona nulla, dalle strade interpoderali, alle comunali e alle provinciali, ci vuole un intervento in prima persona del Governo Nazionale. Tant’è vero che il governo regionale, le province e i comuni da soli non ce la fanno e i risultati sono stati finora esternati dalle condizioni delle strade, ormai chiusure, pericolosità e ordinanze sindacali sono una costante che non può essere la soluzione.

Adesso si sta cercando di intervenire con misure straordinarie per pulire alvei di fiumi, torrenti, valloni che sono apprezzabili ma sempre con tempi che non sono rapidissimi.

Se questo è il governo del cambiamento lo dimostri realmente e fattivamente con interventi e investimenti che possono farci uscire da questo isolamento che si perpetua da troppi anni, le inaugurazioni dell’ammodernamento e raddoppio nel 2009 della ss.640 e nel 2015 dei 34 km della Palermo-Agrigento ci hanno fatto sognare troppo presto e invece il territorio, a causa di tutti questi ritardi, è piombato indietro terribilmente.

E anche errori conclamati come il Ponte Petrusa non trovano ad oggi delle soluzioni, come del resto i tempi della messa in sicurezza e della manutenzione del Ponte Morandi sembrano procrastinarsi in un tempo infinito, la nostra organizzazione sindacale aspetta da Lei e dal suo governo pochi proclami ma soluzioni a queste problematiche per riagganciare questo pezzo di Sud al resto di Italia, perché parlare di Industria 4.0, di Zes e di altre occasioni di sviluppo, quando mancano le strade e prenderci in giro vicendevolmente. La gente agrigentina e le comunità non possono aspettare ancora, inerzie, ritardi, contenziosi e intoppi burocratici non devono accompagnare questo territorio alla morte, sarebbe un crimine anche da parte della nuova classe dirigente e del cambiamento che ha sempre criticato la vecchia politica di irresponsabilità e di sprechi delle risorse pubbliche. Il diritto alla sopravvivenza non è della Uil o del Ministro Toninelli, è dei cittadini che alimentano lo Stato pagando dei tributi ma pretendono da troppo tempo diritti essenziali e costituzionalmente garantiti come il resto delle province italiane.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su