Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Presunto caso di malasanità per la morta di una donna di Agrigento, 3 medici rinviati a giudizio

Presunto caso di malasanità per la morta di una donna di Agrigento, 3 medici rinviati a giudizio

Il Gup del Tribunale di Agrigento, Stefano Zammuto, ha accolto la richiesta della Procura della Repubblica, ed ha rinviato a giudizio i tre medici dell’ospedale “San Giovanni di Dio”, per la morte di una donna, Rosa Castiglione, 53enne, avvenuta il 2 luglio del 2013.

I tre – secondo il pubblico ministero Alessandra Russo, titolare del fascicolo d’inchiesta – avrebbero omesso una terapia idratante, senza ricorrere a una tac che, avrebbe potuto rimediare allo scompenso metabolico della donna, con una grave insufficienza renale.

Gli imputati sono Marcella Indelicato, 49 anni, medico del pronto soccorso; Antonio Granata, 53 anni, primario del reparto di Nefrologia, e Pasquale Zicari, 65 anni, medico chirurgo. Il Pm scrive “a causa di negligenze nel loro operato, avrebbero provocato la morte della paziente”.

L’inizio dell’approfondimento dibattimentale è stato fissato per il 21 gennaio prossimo, davanti al giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Fulvia Veneziano. La vicenda scaturisce da una denuncia dei familiari della donna che, si presentò in ospedale, raccontando di accusare, da circa cinque giorni, dolori addominali e vomito.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su