Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Agrigento, premio Empedocle: ecco a chi andranno i riconoscimenti

Agrigento, premio Empedocle: ecco a chi andranno i riconoscimenti

Il Cardinale Leonardo Sandri, il prof. Luigi Rossi Bernardi, direttore scientifico del gruppo multimedico di Milano, ed il generale di brigata Giovanni Cataldo, comandante della Legione Carabinieri Sicilia,  sono i destinatari dell’edizione 2018 del Premio Internazionale Empedocle per le scienze umane in memoria di Paolo Borsellino, nel cui contesto sarà consegnato un riconoscimento anche al questore di Agrigento Maurizio Auriemma. Il premio è giunto alla sua venticinquesima edizione, conferito dall’Accademia di Studi Mediterranei di Agrigento, sotto l’impulso del suo presidente onorario prof. Assuntina Gallo, ed ha anche un nutrito programma di iniziative di grande spessore scientifico e culturale.

Il Cardinale Sandri è Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali e Gran Cancelliere del Pontificio Istituto Orientale. E’ nato a Buenos Aires (Argentina) il 18 novembre 1943 da genitori emigrati da Ala, un paese della provincia di Trento, anche se la famiglia Sandri è originaria di Lubiara di Caprino Veronese. Dopo gli studi umanistici, filosofici e teologici nei seminari minore e maggiore di Buenos Aires, egli ottenne la licenza in teologia all’Università cattolica argentina e fu ordinato sacerdote il 2 dicembre 1967. Dopo essere stato segretario particolare dell’allora arcivescovo coadiutore e poi cardinale arcivescovo di Buenos Aires, Juan Carlos Aramburu, nel 1970 venne a Roma per completare la preparazione. Alunno del Pontificio Collegio Pio Latinoamericano, frequentò la facoltà di diritto canonico della Pontificia Università Gregoriana.. Nel 1974 fu nominato addetto della nunziatura apostolica di Madagascar e Mauritius, che fungeva anche da delegazione apostolica per le Isole Comore e per l’Isola de la Réunion nell’oceano indiano. Poi fu trasferito negli uffici della segreteria di Stato nel 1977 dove rimase per dodici anni. Nel 1989 venne inviato come consigliere alla nunziatura apostolica negli Stati Uniti d’America. Nel contempo, in qualità di osservatore permanente aggiunto della Santa Sede presso l’Organizzazione degli Stati Americani (Oea), partecipò alle assemblee generali di detta Organizzazione. Il 26 agosto 1991 fu stato nominato reggente della Prefettura della Casa Pontificia; il 2 aprile 1992 Giovanni Paolo II lo nominò assessore della Sezione per gli Affari generali della segreteria di Stato. Il 22 luglio 1997 fu eletto arcivescovo titolare di Cittanova e nominato nunzio apostolico in Venezuela. Ricevette l’ordinazione episcopale l’11 ottobre 1997. Nel marzo del 2000 Giovanni Paolo II lo ha nominò nunzio apostolico in Messico dove rimase fino al 15 settembre di quello stesso anno quando, in occasione del giubileo dei rappresentanti pontifici, il Papa lo  nominò Sostituto per gli Affari generali della segreteria di Stato. In quella veste diede l’annuncio in piazza San Pietro, la sera di sabato 2 aprile 2005, della morte di Giovanni Paolo II.
Nel corso del suo servizio come Sostituto ha partecipato direttamente alla preparazione di tutti i viaggi apostolici in diverse nazioni del mondo, accompagnando personalmente poi il Papa.
Il 9 giugno 2007 Benedetto XVI lo nominò Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali. È pertanto anche Gran Cancelliere del Pontificio Istituto Orientale. Dallo stesso Benedetto XVI fu creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 24 novembre 2007, della Diaconia dei Santi Biagio e Carlo ai Catinari. È Membro delle Congregazioni per la Dottrina della Fede, per l’Evangelizzazione dei Popoli e per i Vescovi. E’ anche componente dei Pontifici Consigli per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, per il Dialogo Interreligioso, per i Testi Legislativi,
della Pontificia Commissione per l’America Latina, della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano e del Consiglio Speciale per il Libano della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi.

Il prof. Luigi Rossi Bernardi è nato a Piacenza il 27 aprile 1932 ed è un medico e biochimico. Si laureò in medicina e chirurgia nel 1958 presso l’Università degli Studi di Milano. Dal 1961 al 1965 svolse ricerche per la NATO e per l’Aeronautica militare statunitense. Nel 1964 ha conseguì un dottorato di ricerca a Cambridge. È stato ricercatore anche nei Paesi Bassi e negli Stati Uniti. Docente ordinario di chimica biologica presso la facoltà di medicina dell’Università di Milano dal 1965, si è occupato in particolare di fisiologia dell’apparato respiratorio, conducendo una serie di lavori che hanno permesso la comprensione dei meccanismi di combinazione e di trasporto dell’anidride carbonica attraverso il sangue. Ha collaborato a studi multicentriciitaliani e internazionali sulle proprietà chimico-fisiche dell’emoglobina. Dal 1974 al 1984, ebbe la direzione scientifica dell’ospedale San Raffaele di Milano e dal 1982 fece parte della Commissione per la ricerca biomedica della regione Lombardia. Dal 1984 al 1993 è stato presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche, ricoprendo la carica di presidente della sua Giunta Amministrativa. È stato assessore alla ricerca, innovazione e capitale umano presso il comune di Milano. Attualmente è Direttore Scientifico del gruppo MultiMedica con sede a Sesto San Giovanni (Milano).

Il generale di brigata Giovanni Cataldo è nato nel 1959. E’ laureato in scienze politiche ad indirizzo politico amministrativo all’università di Siena. Ha conseguito anche le lauree di primo livello in scienze della sicurezza ed in scienze della sicurezza interna ed esterna all’Università di Tor Vergata, frequentando inoltre i master di studi internazionali strategico-militari all’università di Milano e in scienze strategiche all’università di Torino. Alle sue spalle anche il biennio formativo all’Accademia militare di Modena e la scuola ufficviali carabinieri di Roma, nonché il corso superiore di stato maggiore interforze.

Il questore Maurizio Auriemma è nato il 13 novembre 1959. Conseguita la laurea in giurisprudenza, entrò nell’amministrazione della Pubblica sicurezza nel maggio 1985 e venne destinato come vicecommissario in Liguria, prestando servizio nelle questure di Genova e La Spezia; in Calabria diresse il commissariato di Palmi e poi andò a dirigere il terzo reparto mobile di Milano. Ebbe la responsabilità dell’attività logistica della Polizia di Stato assicurata in  occasione del G8 2001, delle Olimpiadi Invernali Torino 2006 e diresse i servizi di ordine e sicurezza pubblica nella provincia autonoma di Trento, il Festival dell’Economia nelle sue ultime edizioni e più recentemente la vista del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, a Pieve Tesino. Da ottobre 2014 a febbraio 2015 è stato anche direttore a scavalco del Centro Addestramento Alpino della Polizia di Stato di Moena (TN). All’atto della sua nomina a questore di Agrigento, il 27 giugno 2017, proveniva dalla questura di Trento.

 

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su