Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > La faida di Favara, agguato a Nicotra: indagati altri due giovani

La faida di Favara, agguato a Nicotra: indagati altri due giovani

Salgono a 9 gli indagati per il tentato omicidio del favarese Carmelo Nicotra, miracolosamente scampato alla morte. Iscritti sul registro degli indagati altre due persone, entrambi di Favara, Francesco Di Benedetto, 28 anni, e Michelangelo Bellavia, 30 anni. Il primo è accusato di detenzione aggravata di armi, mentre Bellavia per tentato omicidio e detenzioni di armi. Entrambi sono stati sottoposti ad un prelievo  di saliva.

Gli esperti della Scientifica intervenuti in via Torino, la sera dell’agguato, hanno contato oltre quaranta colpi di pistola 9×21 e Kalashnikov. Come in una “guerra”.  Da chiarire quindi se hanno sparato solo i killer, o un’arma è stata usata anche dalla vittima, che probabilmente camminava armato, e ha risposto subito al fuoco.

Le indagini sono condotte dai poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento, con il coordinamento dei pubblici ministeri della Dda di Palermo, Geri Ferrara e Claudio Camilleri.

Nei giorni scorsi gli agenti della Mobile hanno convocato Bellavia e Di Benedetto per sottoporli al prelievo salivare. Di Benedetto è difeso dall’avvocato Salvatore Pennica; Bellavia dall’avvocato Salvatore Cusumano.

Gli altri indagati sono i favaresi Calogero e Antonio Bellavia, Calogero ed Emanuele Ferraro (il secondo ucciso in un agguato), e Carmelo Vardaro, tutti accusati a vario titolo, di tentato omicidio aggravato e ricettazione. Anche lo stesso Nicotra, risulta essere indagato, per l’ipotesi di reato di riciclaggio.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su