Tu sei qui
Home > Rubriche > Oltre la provincia > Saranno rimossi i sindaci che non sgomberano gli immobili abusivi

Saranno rimossi i sindaci che non sgomberano gli immobili abusivi

Pugno duro della Regione siciliana sull’abusivismo. I sindaci siciliani potranno sgomberare subito le case abusive che, si trovano in aree ad alto rischio, prima dell’ordinanza di demolizione. E chi non lo farà sarà immediatamente rimosso.  Sono questi i punti più importanti del disegno di legge anti-abusivismo approvato ieri dalla Governo regionale. Il governatore Nello Musumeci chiederà al presidente dell’Ars una corsia preferenziale per fare approdare subito in aula la proposta.

“L’abusivismo va neutralizzato e combattuto. Cerchiamo di stare vicini ai cittadini, ma anche ai sindaci che spesso non hanno le risorse per pagare le demolizioni. Non ci sarà più con questo nuovo ddl, la possibilità per i sindaci di avere un’ordinanza bloccata da una pratica di sanatoria- dice Musumeci -. La Regione pagherà le spese per ospitare le famiglie per i primi 60 giorni, per dare il tempo di trovare un altro alloggio, dopo l’ordinanza del sindaco”.

“Gli uffici della Regione siciliana – ha spiegato ancora Musumeci – già il 5 giugno scorso hanno scritto ai sindaci dell’Isola affinché segnalassero la presenza delle case abusive in luoghi particolarmente vulnerabili. Su 390 sindaci hanno risposto solo una quarantina. L’esempio di Licata è sempre più eloquente. Le ruspe chi le paga? Spesso i comuni non hanno disponibilità di risorse per far fronte a queste spese impreviste. Stiamo chiedendo al governo nazionale di istituire fondo speciale presso il ministero dell’Ambiente o delle Infrastrutture o dell’Interno per consentire ai sindaci di dar seguito alle ordinanze di demolizione delle case”

 

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su