Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Naro, ucciso a colpi di zappa: giudizio immediato per intera famiglia

Naro, ucciso a colpi di zappa: giudizio immediato per intera famiglia

Una faida tra famiglie lunga mesi, vecchie e nuove offese da vendicare, ingiurie e provocazioni. E’ in questo contesto che, la mattina del 7 luglio scorso, è maturato l’omicidio del bracciante agricolo, Constantin Pinau, trentasettenne, di nazionalità rumena. Il giudice del Tribunale di Agrigento, Alessandra Vella, accogliendo la richiesta della Procura della Repubblica, ha disposto il giudizio immediato nei confronti di Vasile Lupascu, 44 anni, della moglie Ansioara Lupascu, 39 anni, e del loro figlio Vladut Lupascu, 19 anni, tutti di nazionalità rumena, residenti a Naro.

I Lupascu sono difesi dagli avvocati Salvatore Pennica, Diego Giarratanara e Francesco Panico. Il processo è fissato per il 30 novembre, dinnanzi alla prima sezione della Corte di Assise di Agrigento. I tre sono accusati di aver ucciso Pinau, in seguito ad un diverbio, che quest’ultimo avrebbe avuto con il figlio del presunto assassino. La famiglia Lupascu, attorno alle 6.30 del 7 luglio scorso, hanno atteso il rientro in casa della famiglia Pinau, cogliendoli di sorpresa in una vera e propria imboscata.

Pinau è stato affrontato dal nucleo familiare avversario, e colpito più volte, con diversi corpi contundenti. La ferita mortale alla testa è stata provocata con una zappa. Il decesso all’arrivo all’ospedale “Barone Lombardo” di Canicattì. Colpi di bastone anche nei confronti della moglie della vittima, che si salvò solamente grazie al marito, che le ha fatto da “scudo”. Quando sul posto sono giunti i Carabinieri hanno rinvenuto a terra bastoni, armi da taglio, e sangue dappertutto.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su